Xagena Mappa
Medical Meeting
Dermabase.it
XagenaNewsletter

Apalutamide associata alla terapia di deprivazione androgenica migliora la sopravvivenza nei pazienti con tumore alla prostata sensibile alla castrazione, metastatico


Lo studio TRITON ha mostrato che i pazienti con carcinoma prostatico sensibile alla castrazione, metastatico, che hanno ricevuto Apalutamide ( Erleada ) più terapia di deprivazione androgenica ( ADT ) hanno presentato un rischio di morte ridotto del 33% rispetto ai pazienti che assumevano solo terapia ADT.
Al follow-up mediano di 22.7 mesi, il tasso di sopravvivenza globale ( OS ) a 2 anni è stato dell'82.4% nel braccio Apalutamide contro il 73.5% nei pazienti trattati solamente con terapia ADT ( hazard ratio, HR=0.67; IC 95%, 0.51-0.89; P = 0.005 ).

L'aggiunta di Apalutamide ha inoltre ridotto significativamente il rischio di progressione radiografica o di mortalità del 52%.
La sopravvivenza libera da progressione radiografica ( rPFS ) mediana non è stata raggiunta nel braccio Apalutamide contro i 22.1 mesi nel braccio controllo ( HR=0.48; IC 95%, 0.39-0.60; P inferiore a 0.0001 ). I tassi di rPFS a 2 anni sono stati rispettivamente del 68.2% versus 47.5%.
I benefici di sopravvivenza globale e di sopravvivenza libera da progressione radiografica sono stati osservati nei sottogruppi di pazienti.

Questi risultati hanno fornito elementi a supporto dell'aggiunta di Apalutamide alla terapia di deprivazione androgenica per un'ampia gamma di pazienti con carcinoma alla prostata sensibile alla castrazione, metastatico, come quelli arruolati nello studio TITAN, che includevano pazienti con volume di malattia alto o basso, precedente trattamento con Docetaxel, malattia metastatica de novo o malattia metastatica recidivante dopo diagnosi iniziale di malattia localizzata, e coloro che avevano ricevuto un precedente trattamento per la malattia localizzata.

Nel periodo 2015-2017, lo studio internazionale TITAN in doppio cieco ha arruolato una popolazione di 1.052 pazienti con carcinoma prostatico metastatico sensibile alla castrazione, indipendentemente dal precedente trattamento con Docetaxel o dall'entità di malattia.
L'età media del paziente era di 68 anni, il 10.7% aveva un precedente trattamento con Docetaxel e il 16.4% era stato sottoposto a prostatectomia o era stato trattato con radioterapia per malattia localizzata.
Complessivamente, il 62.7% dei pazienti aveva una malattia ad alto volume, e il 37.3% malattia a basso volume.

I pazienti sono stati randomizzati in un rapporto 1:1 a ricevere Apalutamide 240 mg per os una volta al giorno più terapia ADT ( n=525 ) oppure placebo in combinazione con terapia ADT ( n = 527 ) fino a progressione della malattia, a tossicità inaccettabile o alla fine del trattamento.
Gli endpoint coprimari erano la sopravvivenza senza progressione radiografica e la sopravvivenza globale.

Oltre a raggiungere i due endpoint coprimari, lo studio ha incontrato diversi endpoint chiave secondari ed esplorativi con l'aggiunta di Apalutamide alla terapia ADT.
Tra questi vi erano il tempo mediano alla chemioterapia citotossica ( HR=0.39; IC 95%, 0.27-0.56, P inferiore a 0.0001 ) e il tempo mediano alla progressione del PSA [ antigene prostatico specifico ] ( HR=0.26; IC 95%, 0.21-0.32 ).
Nel braccio Apalutamide il 68% dei pazienti ha presentato un calo di PSA a livelli non-rilevabili rispetto al 29% dei pazienti trattati con la sola terapia ADT.

L'aggiunta di Apalutamide alla terapia di deprivazione androgenica ha anche portato a una riduzione del rischio del 34% ( HR=0.66; IC 95%, 0.50-0.87 ) nel tempo mediano alla seconda sopravvivenza libera da progressione o nella mortalità.

Il trattamento è risultato tollerato e il profilo di sicurezza era coerente con gli effetti collaterali noti di Apalutamide.

Eventi avversi di grado 3/4 si sono verificati nel 42.2% del braccio Apalutamide versus 40.8% del braccio controllo. Gli eventi avversi gravi si sono verificati, rispettivamente, nel 19.8% contro il 20.3% dei due bracci.
Le interruzioni relative agli eventi avversi si sono verificate nell'8% del gruppo Apalutamide rispetto al 5.3% nel gruppo trattato con solo terapia ADT.

Ci sono stati 10 decessi correlati alle reazioni avverse nel braccio Apalutamide contro i 16 casi nel braccio placebo.

Gli eventi avversi di grado 3 o maggiore di particolare interesse sono stati: rash ( 6.3% nel braccio Apalutamide versus 0.6% nel braccio terapia ADT ), affaticamento ( 1.5% vs 1.1%, rispettivamente ), calo ( 0.8% in ciascun braccio ), frattura ( 1.3% vs 0.8% ) e convulsioni ( 0.2% vs 0 ). ( Xagena )

Fonte: American Society of Clinical Oncology ( ASCO ) Annual Meeting, 2019

XagenaHeadlines2019



Indietro