Xagena Newsletter
Alliance Dermatologia & Dermocosmesi
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Bamlanivimab ed Etesevimab, due anticorpi neutralizzanti per SARS-CoV-2


I dati di una nuova analisi ad interim dello studio clinico BLAZE-1 hanno mostrato che la terapia di combinazione con due anticorpi neutralizzanti per SARS-CoV-2 ha ridotto la carica virale, i sintomi e l'ospedalizzazione e le visite di Pronto soccorso correlate a COVID ( infezione da SARS-CoV-2 ).
Lo studio di fase 2 randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, ha valutato Bamlanivimab ( LY-CoV555 ) ed Etesevimab ( LY-CoV016 ), che legano regioni complementari della proteina spike di SARS-CoV-2, per il trattamento del COVID-19 sintomatico in ambito ambulatoriale.
La coorte di combinazione ha arruolato pazienti di recente diagnosi con COVID-19 da lieve a moderato, che sono stati assegnati a 2800 mg di ciascun anticorpo ( n = 112 ) oppure a placebo ( n = 156 ).

La terapia di combinazione ha ridotto significativamente la carica virale al giorno 11 ( p = 0.011 ), raggiungendo l'endpoint primario dello studio.
La maggior parte dei pazienti, compresi quelli che hanno ricevuto placebo, hanno dimostrato una clearance virale quasi completa entro il giorno 11.
Inoltre, il trattamento combinato ha ridotto i livelli virali al giorno 3 ( p = 0.016 ) e al giorno 7 ( p inferiore a 0.001 ), momenti temporali in cui si osservano tipicamente cariche virali più elevate.
La terapia di combinazione ha anche ridotto significativamente la variazione media ponderata nel tempo dal basale dal giorno 1 all'11.

Un'analisi esplorativa ha dimostrato che la percentuale di pazienti con carica virale elevata persistente al giorno 7 per la terapia di combinazione era inferiore ( 3.0% ) rispetto al placebo ( 20.8% ) con un p minore di 0.0001.
Finora non sono state osservate varianti emergenti di resistenza putativa nei pazienti trattati con la terapia di associazione.

La terapia di combinazione ha anche raggiunto gli endpoint clinici prespecificati, inclusa la variazione media ponderata nel tempo rispetto al basale nel punteggio totale dei sintomi dal giorno 1 all'11 ( p = 0.009 ).
Il miglioramento dei sintomi è stato osservato già tre giorni dopo la somministrazione ed è stato simile per entità e tempistica ai miglioramenti precedentemente osservati con Bamlanivimab in monoterapia.
Il tasso di ospedalizzazione correlata a COVID e di visite al Pronto soccorso era inferiore per i pazienti trattati con terapia di combinazione ( 0.9% ) rispetto al placebo ( 5.8% ), una riduzione del rischio relativo dell'84.5% ( p = 0.049 ).
Questo era anche simile a quanto riscontrato con la monoterapia a base di Bamlanivimab.

La terapia di associazione è risultata generalmente ben tollerata senza eventi avversi gravi correlati al farmaco. Negli studi in monoterapia con Bamlanivimab sono state osservate isolate reazioni all'infusione correlate al farmaco o ipersensibilità, generalmente lievi ( due segnalate come reazioni gravi all'infusione, tutti i pazienti sono guariti ).
Gli eventi avversi emergenti dal trattamento erano paragonabili al placebo sia per la monoterapia con Bamlanivimab che per la terapia di associazione.

Bamlanivimab

Bamlanivimab è un anticorpo monoclonale IgG1 neutralizzante diretto contro la proteina spike di SARS-CoV-2. È progettato per bloccare l'attaccamento virale e l'ingresso nelle cellule umane, neutralizzando così il virus.
Sono in corso le valutazioni di sicurezza primaria per Bamlanivimab in uno studio di fase 1 su pazienti ospedalizzati con COVID-19, e follow-up a lungo termine.
È in corso uno studio di fase 2 su persone a cui è stato recentemente diagnosticato COVID-19 in ambito ambulatoriale ( BLAZE-1 ).
È stato avviato uno studio di fase 3 per la prevenzione del COVID-19 nei residenti e nel personale delle strutture di assistenza a lungo termine ( BLAZE-2 ).
Inoltre, Bamlanivimab viene valutato negli studi ACTIV-2 e ACTIV-3 condotti dai National Institutes of Health ( NIH ) su pazienti COVID-19 ambulatoriali e ospedalizzati.

Etesevimab

Etesevimab è un anticorpo monoclonale neutralizzante completamente umano ricombinante, che si lega specificamente al dominio di legame del recettore della proteina spike di superficie SARS-CoV-2 con alta affinità, e può bloccare efficacemente il legame del virus al recettore ACE2 sulla superficie della cellula ospite.
Mutazioni puntiformi sono state introdotte nell'anticorpo IgG1 umano nativo per mitigare la funzione effettrice.
Uno studio di provocazione è stato condotto su macachi rhesus e ha dimostrato che Etesevimab è efficace sia in ambito profilattico che terapeutico contro l'infezione da SARS-CoV-2. ( Xagena )

Fonte: Lilly, 2020

XagenaHeadlines2020



Indietro