XagenaNewsletter
Xagena Mappa
Medical Meeting
Reumabase.it

Cina: Tocilizumab, un anticorpo anti-IL-6, per i pazienti con gravi complicanze polmonari da coronavirus


La Cina ha dato il via libera all'utilizzo del farmaco antinfiammatorio Tocilizumab ( Actemra; RoActemra nell'Unione Europea ) di Roche nei pazienti affetti da malattia da coronavirus ( COVID-19 ) con gravi complicanze polmonari.

Tocilizumab, un inibitore dell'interleuchina-6 ( IL-6 ), può pertanto essere impiegato per trattare pazienti infettati dal nuovo coronavirus che hanno sviluppato gravi danni polmonari e hanno anche elevati livelli di IL-6 nel sangue.

Precedenti ricerche hanno indicato che livelli elevati di IL-6 sono associati a un più alto tasso di mortalità nelle persone con polmonite acquisita in comunità.

Il farmaco potrebbe interrompere la sindrome da rilascio di citochine ( CRS ), che può verificarsi come complicanza di alcune malattie o infezioni.

Actemra è stato introdotto sul mercato dal 2010. È stato prima autorizzato dalla Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA ( Food and Drug Administration ) come trattamento per l'artrite reumatoide e successivamente ha ottenuto ulteriori approvazioni nell'artrite idiopatica giovanile, nell'arterite a cellule giganti e nella sindrome da rilascio di citochine associate alla terapia CAR-T per i tumori ematologici.
RoActemra è stato approvato nell'Unione Europea in diverse indicazioni, tra cui nel trattamento della sindrome da rilascio di citochine indotta dai linfociti CAR-T, grave o potenzialmente letale, negli adulti e nei pazienti pediatrici di età uguale o superiore a 2 anni.

Tocilizumab nel trattamento della sindrome da rilascio di citochine è stato inserito nelle nuove linee guida terapeutiche da parte del National Health Commission cinese per COVID-19.

Non esistono ancora dati di efficacia o sicurezza per supportare l'uso di Tocilizumab nelle infezioni da COVID-19, ma i ricercatori cinesi stanno conducendo uno studio clinico su 188 pazienti in pazienti infettati dal virus.
Risultati preliminari in 14 pazienti hanno indicato che il farmaco potrebbe essere in grado di aiutare i soggetti con grave malattia polmonare in progressione.

La notizia dell'approvazione è arrivata poco dopo che l'Organizzazione mondiale della sanità ( OMS ) ha aumentato la sua stima del tasso di mortalità con il nuovo coronavirus da circa il 2% al 3.4% a livello globale, con un intervallo dallo 0.7% al 4.0% a seconda dell'accesso ai servizi sanitari. Per fare un confronto, l'influenza stagionale ha un tasso di mortalità di circa l'1%. ( Xagena )

Fonte: National Health Commission - China, 2020

XagenaHeadlines2020


Indietro