Xagena Mappa
Medical Meeting
Dermabase.it
Onco News

Efficacia della combinazione Nivolumab e Ipilimumab nel melanoma in fase avanzata: il 53% dei pazienti è vivo a 4 anni


Sono stati presentati i dati a 4 anni dello studio CheckMate -067, condotto su 940 pazienti con melanoma in fase avanzata.
Oltre la metà dei pazienti trattati con la combinazione Nivolumab ( Opdivo ) e Ipilimumab ( Yervoy ) è risultata in vita a quattro anni e la sopravvivenza globale ( OS ) mediana non è stata ancora raggiunta.

Questo è il follow-up più lungo finora disponibile che ha confrontato la combinazione Ipilimumab - Nivolumab con il solo Ipilimumab o con il solo Nivolumab nei pazienti con melanoma avanzato.

I tassi di sopravvivenza globale a 4 anni sono stati rispettivamente del 53% per la combinazione, del 46% per Nivolumab in monoterapia e del 30% per Ipilimumab da solo.

E' risultata anche aumentata la percentuale di pazienti che ha presentato una risposta completa: nel gruppo trattato con la combinazione è stata del 21%, per Nivolumab in monoterapia del 18% e per Ipilimumab da solo del 5%.

Inoltre, il 71% dei pazienti trattati con la combinazione sono risultati liberi da trattamento ( con il trattamento in studio o con altre terapie sistemiche successive ), contro il 50% dei trattati con Nivolumab e il 39% dei trattati con Ipilimumab.

La sopravvivenza del 53% a 4 anni per i pazienti trattati con la combinazione rappresenta un risultato senza precedenti, che rende concreta la possibilità di cronicizzare il melanoma in oltre la metà dei casi.
E' noto infatti che, dopo 36 mesi, le percentuali di sopravvivenza si mantengono stabili nel tempo.
Un altro dato che scaturisce dallo studio è che a 4 anni dall’inizio della terapia, e dopo averla interrotta, i pazienti continuano a mostrare una risposta positiva.

E' stato anche osservato che nei pazienti con una mutazione del gene BRAF ( che corrispondono a circa la metà del totale ), la combinazione è più efficace.

La combinazione infine ha dato un beneficio evidente nei pazienti con metastasi cerebrali.

Fonte: European Society of Medical Oncology - ESMO, 2018

XagenaHeadlines2018



Indietro