Alliance Cicatrici
Forum Infettivologico
Vertigini
Alliance Dermatite

La prognosi può essere favorevole per il linfoma di Hodgkin correlato ad HIV


Gli esiti di sopravvivenza tra i pazienti con linfoma di Hodgkin e con infezione da virus HIV potrebbero presto essere simili a quelli dei pazienti con linfoma di Hodgkin senza HIV, secondo i risultati di uno studio.

I pazienti con linfoma di Hodgkin e con infezione da HIV hanno tratto beneficio dell'introduzione della terapia antiretrovirale, ma il trattamento standard per i pazienti con queste malattie concomitanti non è stato chiaramente definito.

Un gruppo di ricercatori del Harlaching Hospital di Monaco di Baviera ( Germania ) ha esaminato una strategia di trattamento adattata per stadio e rischio per questa popolazione di pazienti.

Ai pazienti della coorte precoce favorevole sono stati somministrati 4 cicli del regime ABVD ( Doxorubicina, Bleomicina, Vinblastina e Dacarbazina ), seguiti da 30 Gy di radiazioni limitate all’area coinvolta.

I pazienti con malattia precoce sfavorevole hanno ricevuto 4 cicli del regime BEACOPP basale ( Bleomicina, Etoposide, Doxorubicina, Ciclofosfamide, Vincristina, Procarbazina e Prednisone ), oppure 4 cicli di ABVD più 30 Gy di radioterapia del campo interessato.

I pazienti con linfoma di Hodgkin in stadio avanzato correlato ad HIV hanno ricevuto 6-8 cicli di BEACOPP basale. ABVD ha sostituito BEACOPP nei pazienti con forma avanzata di infezione da HIV.

L'analisi finale ha incluso 108 pazienti, dei quali il 21% aveva un linfoma di Hodgkin precoce favorevole, il 13% aveva linfoma di Hodgkin precoce sfavorevole e il 66% aveva un linfoma di Hodgkin in stadio avanzato.

Al momento della diagnosi di linfoma di Hodgkin, le conte mediane di cellule CD4 erano 240/mcl.

I pazienti con malattia precoce favorevole hanno registrato un tasso di remissione completa del 96%, mentre i pazienti con malattia precoce sfavorevole hanno avuto un tasso del 100%, e quelli con linfoma di Hodgkin avanzato hanno avuto una remissione completa dell’86%.

In un'analisi che ha incluso tutti i pazienti, il tasso di sopravvivenza libera da progressione a 2 anni è stato del 91.7% e il tasso di sopravvivenza globale a 2 anni era pari al 90.7%. I pazienti nella coorte precoce sfavorevole hanno avuto una sopravvivenza globale del 95.7%, che non è risultata significativamente diversa dal tasso di sopravvivenza globale tra i pazienti nella coorte precoce sfavorevole ( 100% ) e nella coorte di linfoma Hodgkin in fase avanzata ( 86.8% ).

Il tasso di mortalità è stato dell’11%, e il tasso di mortalità correlato al trattamento è stato del 5.6%.

Nel corso dello studio è stata riscontrata una alta frequenza di neutropenia grave. Inoltre, in tutti i casi di morte correlata al trattamento tranne uno, i decessi sono stati osservati tra i pazienti trattati con il regime BEACOPP. ( Xagena )

Fonte: Journal of Clinical Oncology, 2012

XagenaHeadlines2012



Indietro