Gastroenterologia.net
Neurologia
Ematologia.net
OncoGinecologia.net

L'FDA ha concesso la designazione di terapia fortemente innovativa all'associazione Pembrolizumab e Lenvatinib nel carcinoma a cellule renali in fase avanzata e/o metastatica


L'Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA ( Food and Drug Administration ) ha concesso all'associazione dell'inibitore PD-1 Pembrolizumab ( Keytruda ) e all'inibitore di VEGF e di FGF Lenvatinib ( Lenvima ) la designazione di terapia fortemente innovativa ( Breakthrough Therapy )per il trattamento dei pazienti con carcinoma a cellule renali avanzato e/o metastatico

La designazione si basa sulla coorte carcinoma a cellule renali dello Studio 111 di fase Ib/II, multicentrico, in aperto, in cui i pazienti trattati con la combinazione hanno presentato un tasso di risposta obiettiva ( ORR ) del 63.3% ( IC 95%, 43-80 ).

I dati presentati al Meeting dell'ASCO ( American Society of Clinical Oncology ) si riferivano a una durata mediana di trattamento di 9.5 mesi.
Il dosaggio medio di Lenvatinib ricevuto era stato di 15.8 mg/die; il dosaggio medio di Pembrolizumab somministrato è stato di 191.9 mg per ciclo.

Il tasso di risposta obiettiva a 24 settimane è stato pari all'83% nella coorte naïve al trattamento e al 50% in quei pazienti che avevano ricevuto un precedente trattamento.
Tutte le risposte sono state risposte parziali.
Due pazienti nel gruppo naïve al trattamento e otto nella popolazione precedentemente trattata avevano una malattia stabile.
Un paziente in ciascuna coorte aveva una malattia progressiva primaria.

La durata mediana della risposta non era stata ancora raggiunta per la coorte totale e per la coorte naïve al trattamento, mentre la durata mediana della risposta era di 8.5 mesi nella coorte pretrattata.

Quando stratificati per lo stato di PD-L1, le risposte obiettive erano riscontrate in entrambe le popolazioni PD-L1-positive e PD-L1-negative, ed erano simili, con il 58% dei pazienti PD-L1-positivi e il 71% dei pazienti PD-L1-negativi che hanno raggiunto risposte obiettive.

Al momento del cutoff dei dati, la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) mediana non era ancora stata raggiunta.

Ventotto pazienti su 30 hanno sperimentato un restringimento del tumore, con una tendenza a una maggiore riduzione della massa tumorale nei pazienti naïve al trattamento.
La riduzione del tumore è stata osservata nei pazienti sia PD-L1-positivi sia PD-L1-negativi, senza una chiara associazione tra i cambiamenti nelle dimensioni del tumore e lo stato di PD-L1.

Gli eventi avversi correlati al trattamento ( TRAE ) hanno portato a una riduzione della dose di Lenvatinib in 18 pazienti.
Cinque pazienti ( 17% ) hanno interrotto almeno un farmaco in studio. Le reazioni avverse più comuni di qualsiasi grado erano: diarrea ( 83% ), affaticamento ( 70% ), ipotiroidismo ( 67% ), stomatite ( 60% ), ipertensione ( 57% ) e nausea ( 57% ).
Non sono stati riscontrati nuovi segnali di sicurezza.
I due eventi avversi di grado 5 erano correlati alla progressione della malattia e non erano considerati correlati ai farmaci dello studio. ( Xagena )

Fonte: Merck & Eisai, 2018

XagenaHeadlines2018



Indietro