Xagena Mappa
Medical Meeting
Cardiobase
Mediexplorer.it

Lorbrena per il carcinoma polmonare non-a-piccole cellule metastatico ALK-positivo precedentemente trattato, approvato dalla FDA


La FDA ( Food and Drug Administration ) ha approvato Lorbrena ( Lorlatinib ), un inibitore della tirosin-chinasi ( TKI ) di ALK, di terza generazione per i pazienti con carcinoma al polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ), metastatico, ALK-positivo, la cui malattia è progredita su Crizotinib e almeno un altro inibitore ALK per malattia metastatica; o la cui malattia è progredita su Alectinib o Ceritinib come prima terapia con inibitori di ALK per malattia metastatica.

Questa indicazione ha ricevuto una approvazione accelerata basata sul tasso di risposta e sulla durata della risposta.
L'approvazione definitiva di questa indicazione è subordinata alla verifica del beneficio clinico in uno studio di conferma.

Alla base dell'approvazione i risultati dello studio multicentrico di fase 1/2 non-randomizzato, di dose-ranging e di valutazione dell'attività, multi-coorte, B7461001, che ha esaminato Lorlatinib nel trattamento dei pazienti con tumore NSCLC metastatico ALK-positivo, precedentemente trattati con uno o più inibitori tirosin-chinasici di ALK.
Sono stati arruolati 215 pazienti con tumore NSCLC metastatico positivo per ALK, trattati in precedenza da uno o più inibitori tirosin-chinasici di ALK.
Tra questi pazienti, il tasso di risposta generale ( ORR ) è stato del 48% ( IC 95%: 42%, 55% ); il 57% aveva ricevuto un precedente trattamento con più di un inibitore tirosin-chinasico di ALK.
Nello studio, il 69% dei pazienti aveva una storia di metastasi cerebrali e il tasso di risposta intracranica è stata pari al 60% ( IC 95%: 49%, 70% ).

Tra i 295 pazienti con tumore NSCLC metastatico positivo per ALK o ROS1, trattati con Lorlatinib 100 mg una volta al giorno nello studio B7461001, le reazioni avverse più comuni ( 20% o superiore ) sono state: edema, neuropatia periferica, effetti cognitivi, dispnea, affaticamento, aumento di peso, artralgia, effetti sull'umore e diarrea.
Le anomalie di laboratorio più comuni ( 20% o superiore ) sono state: ipercolesterolemia, ipertrigliceridemia, anemia, iperglicemia, aumento di AST [ aspartato aminotransferasi ], ipoalbuminemia, aumento di ALT [ alanina aminotransferasi ], aumento delle lipasi e aumento della fosfatasi alcalina.
Reazioni avverse gravi si sono verificate nel 32% dei 295 pazienti. Le reazioni avverse gravi più frequenti sono state: polmonite ( 3.4% ), dispnea ( 2.7% ), piressia ( 2% ), alterazioni dello stato mentale ( 1.4% ) e insufficienza respiratoria ( 1.4% ).
Reazioni avverse fatali si sono verificate nel 2.7% dei pazienti, e comprendevano polmonite ( 0.7% ), infarto miocardico ( 0.7% ), edema polmonare acuto ( 0.3% ), embolia ( 0.3% ), occlusione delle arterie periferiche ( 0.3% ) e difficoltà respiratoria ( 0.3% ).

L'interruzione permanente di Lorlatinib per reazioni avverse si è verificata nell'8% dei pazienti; circa il 48% dei pazienti ha richiesto interruzioni della somministrazione e il 24% ha richiesto almeno una riduzione della dose.

Lorbrena trova indicazione nel trattamento dei pazienti con tumore al polmone non-a-piccole cellule ALK-positivo, metastatico, la cui malattia è progredita nonostante il trattamento con Crizotinib ( Xalkori ) e almeno un altro inibitore di ALK per malattia metastatica; o la cui malattia è progredita su Alectinib ( Alecensa ) o Ceritinib ( Zykadia ) come la prima terapia con inibitori di ALK per la malattia metastatica. ( Xagena2018 )

Fonte: Pfizer, 2018

XagenaHeadlines2018



Indietro