Xagena Mappa
Medical Meeting
Farmaexplorer.it
Reumabase.it

MVT-5873 in combinazione con la chemioterapia di prima linea nel carcinoma pancreatico: risultati promettenti


Sono stati resi noti i risultati provvisori dello studio di fase 1 che sta valutando MVT-5873 in combinazione con la chemioterapia standard nei pazienti con nuova diagnosi di tumori maligni del pancreas e CA19-9 positivi.
Alla dose testata, tutti e sei i pazienti hanno presentato significative riduzioni del volume del tumore secondo i criteri RECIST.

MVT-5873, un anticorpo completamente umano, è stato somministrato in associazione a nab-Paclitaxel e Gemcitabina a pazienti con carcinoma pancreatico di nuova diagnosi, positivo per CA19-9.

MVT-5873 alla dose di 0.125 mg/kg quando aggiunto alla chemioterapia di prima linea è risultato generalmente ben tollerato da tutti i pazienti.

Tutti e sei i pazienti hanno presentato riduzioni misurabili del tumore, con quattro pazienti che hanno soddisfatto i criteri per la risposta parziale ( PR ) e due pazienti per la malattia stabile ( SD ).

Questi dati confermano i risultati riportati da un gruppo di pazienti trattato in precedenza.

I livelli di CA19-9, che rappresentano un indicatore prognostico dello stato patologico, sono risultati marcatamente ridotti in tutti i soggetti sottoposti a questa terapia di associazione.

Questo studio clinico di fase 1, multicentrico, non-randomizzato, in aperto, sta valutando la sicurezza e la dose raccomandata per la fase 2 di MVT-5873 in combinazione con un standard chemioterapico in soggetti con neoplasia al pancreas e positivi per CA19-9.
Gli obiettivi secondari comprendono: valutazione del tasso di risposta del tumore secondo RECIST 1.1, durata della risposta e determinazione della farmacocinetica.
Questo studio utilizza un design 3 + 3 convenzionale per identificare la dose di fase 2 raccomandata. ( Xagena )

Fonte: MabVax Therapeutics, 2018

XagenaHeadlines2018



Indietro