Xagena Newsletter
Alliance Dermatologia & Dermocosmesi
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Studio ACTT-2: Baricitinib esercita un effetto significativo sul tempo di recupero nei pazienti COVID-19 che richiedono Ossigeno


Baricitinib in combinazione con Remdesivir ( Veklury ) ha ridotto il tempo di recupero e migliorato gli esiti clinici dei pazienti con infezione da COVID-19 rispetto al solo Remdesivir.
Questa scoperta è emersa dall'analisi dei dati di efficacia e di sicurezza dello studio ACTT-2 ( Adaptive COVID-19 Treatment Trial ), sponsorizzato dal National Institute of Allergy and Infectious Diseases ( NIAID ), parte del National Institutes of Health ( NIH ).
I maggiori benefici sono stati osservati nei pazienti che richiedevano Ossigeno supplementare ( grado 5 sulla scala ordinale a 8 punti ) e in quelli che richiedevano Ossigeno ad alto flusso / ventilazione non-invasiva ( grado 6 ) al basale.

Come riportato in precedenza, ACTT-2 ha raggiunto l'endpoint primario, dimostrando che la popolazione complessiva di pazienti trattati con Baricitinib in combinazione con Remdesivir ha migliorato il tempo mediano di recupero da 8 a 7 giorni rispetto al solo Remdesivir, un miglioramento del 12.5% ( rapporto del tasso di incidenza: 1.16; IC 95%: 1.01, 1.32; p = 0.04 ).
Il recupero è stato definito come paziente che non necessitava più di Ossigeno supplementare o cure mediche in ambito ospedaliero, o non era più ricoverato in ospedale al giorno 29.

Lo studio ha anche raggiunto un endpoint secondario pre-specificato. Utilizzando la scala ordinale che andava dal recupero alla morte, le probabilità di miglioramento dello stato clinico al giorno 15 erano maggiori del 30% nei pazienti trattati con Baricitinib in combinazione con Remdesivir rispetto al solo Remdesivir ( odds ratio, OR 1.3; IC 95%: 1.0, 1.6; p = 0.04 ).

È stata osservata una diminuzione numerica dei decessi ( 35% ) fino al giorno 29 nei pazienti trattati con Baricitinib più Remdesivir rispetto al solo Remdesivir nella popolazione complessiva ( rispettivamente, 5.1% vs 7.8%; hazard ratio, HR 0.65; IC 95%: 0.39, 1.08 ; p = 0.09 ).
La riduzione della mortalità è stata più pronunciata per i pazienti che ricevevano Ossigeno, poiché la mortalità al giorno 29 era inferiore del 60% e del 43%, rispettivamente, per i sottogruppi OS5 e OS6.
In questo studio non sono stati osservati nuovi segnali di sicurezza per i pazienti trattati con Baricitinib.

Baricitinib ( Olumiant ) 2 mg è indicato per il trattamento dei pazienti adulti con artrite reumatoide attiva da moderata a grave che hanno avuto una risposta inadeguata a una o più terapie antagoniste del fattore di necrosi tumorale ( TNF ). ( Xagena )

Fonte: Lilly, 2020

XagenaHealines2020



Indietro