Ibuprofene
Xagena Newsletter
Alliance Dermatologia & Dermocosmesi
Xagena Mappa

Studio CITYSCAPE: risultati promettenti con la combinazione Tiragolumab e Atezolizumab nei pazienti con carcinoma al polmone non-a-piccole cellule positivo per PD-L1, in fase metastatica


Sono stati pubblicati i risultati dello studio CITYSCAPE di fase II. Questo è il primo studio randomizzato che ha valutato l'efficacia e la sicurezza di Tiragolumab più Atezolizumab ( Tecentriq ) rispetto al solo Atezolizumab come trattamento iniziale ( prima linea ) per le persone con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ), PD-L1-positivo, metastatico.

Tiragolumab è una nuova immunoterapia antitumorale progettata per legarsi a TIGIT, una proteina del checkpoint immunitario espressa sulle cellule immunitarie.
Sia TIGIT che PD-L1 svolgono un ruolo importante nella soppressione immunitaria e il blocco di entrambi i percorsi potrebbe migliorare l'attività antitumorale.

All'analisi primaria, Tiragolumab più Atezolizumab hanno raggiunto entrambi gli endpoint co-primari nella popolazione intent-to-treat ( ITT ), mostrando un miglioramento del tasso di risposta obiettiva ( ORR ) ( 31.3% versus 16.2% ) e una riduzione del 43% nel rischio di peggioramento della malattia o morte ( sopravvivenza libera da progressione; PFS ) ( PFS mediana: 5.4 vs 3.6 mesi; hazard ratio, HR = 0.57, IC al 95%: 0.37-0.90 ) rispetto al solo Atezolizumab.

Una analisi esplorativa nelle persone con alti livelli di PD-L1 ( TPS maggiore o uguale al 50% ) ha mostrato un miglioramento clinicamente significativo del tasso di risposta obiettiva ( 55.2% vs 17.2% ) e una riduzione del 67% del rischio di peggioramento della malattia o di mortalità ( PFS mediana: non-raggiunta versus 3.9 mesi; HR = 0.33, IC 95%: 0.15-0.72 ) con l'associazione rispetto al solo Atezolizumab.

I dati hanno indicato che la combinazione di Tiragolumab più Atezolizumab era ben tollerata, mostrando percentuali simili di tutti gli eventi avversi per qualsiasi causa di grado 3 o più quando si combinano le due immunoterapie rispetto al solo Atezolizumab ( 41.8% vs 44.1% ).

A un follow-up di 6 mesi, il miglioramento del tasso di risposta obiettiva e della sopravvivenza libera da progressione nel braccio Tiragolumab più Atezolizumab è persistito sia nelle popolazioni ITT che in quelle PD-L1+, e non sono stati osservati nuovi segnali di sicurezza.

Tiragolumab è un anticorpo monoclonale progettato per legarsi a TIGIT, un recettore proteico sulle cellule immunitarie. Legandosi a TIGIT, Tiragolumab blocca la sua interazione con una proteina chiamata recettore del poliovirus ( PVR o CD155) che può sopprimere la risposta immunitaria dell'organismo.
Il blocco di TIGIT e di PD-L1 permette in modo sinergico la riattivazione delle cellule T e migliora l'attività antitumorale delle cellule NK. ( Xagena )

Fonte: Roche, 2020

XagenaHeadline2020



Indietro