Xagena Mappa
Medical Meeting
Reumabase.it
Cardiobase

Studio IMpower131: Atezolizumab più chemioterapia riduce il rischio di peggioramento della malattia o la mortalità nel trattamento iniziale di persone con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule squamoso avanzato


Lo studio IMpower131 ha raggiunto il suo endpoint co-primario di sopravvivenza libera da progressione e ha dimostrato che la combinazione di Atezolizumab ( Tecentriq ) e della chemioterapia ( Carboplatino e Abraxane [ Paclitaxel legato all'albumina, nab-Paclitaxel ] ) ha ridotto il rischio di peggioramento della malattia o mortalità ( sopravvivenza libera da progressione, PFS ) rispetto alla sola chemioterapia nel trattamento iniziale ( di prima linea ) di persone con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ), squamoso, avanzato.
. La sicurezza per la combinazione di Atezolizumab e chemioterapia è risultata coerente con il noto profilo di sicurezza dei singoli medicinali e non sono stati identificati nuovi segnali di sicurezza con la combinazione.

In questa analisi ad interim non è stato osservato un beneficio di sopravvivenza globale ( OS ) statisticamente significativo; lo studio continuerà come previsto.

Il carcinoma polmonare squamoso non-a-piccole cellule è difficile da trattare e negli ultimi decenni ci sono state limitate nuove opzioni di trattamento.

IMpower131 è uno studio di fase III, randomizzato, in aperto, multicentrico, che sta valutando l'efficacia e la sicurezza di Atezolizumab più chemioterapia ( Carboplatino e nab-Paclitaxel oppure Paclitaxel ) con la sola chemioterapia in pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule in stadio IV, con istologia squamosa, non-trattati in precedenza con la chemioterapia.

Lo studio ha arruolato 1021 persone che sono state randommizzate in un rapporto 1:1:1 a ricevere: braccio A, Atezolizumab più Carboplatino e Paclitaxel; braccio B, Atezolizumab più Carboplatino e nab-Paclitaxel; braccio C, Carboplatino e nab-Paclitaxel.

Gli endpoint co-primari erano: sopravvivenza libera da progressione determinata dagli sperimentatori secondo RECIST v1.1 nella popolazione intention-to-treat ( ITT ) [ braccio A versus braccio B ]; sopravvivenza globale nella popolazione ITT ( braccio B versus braccio C ).

IMpower131 ha raggiunto il suo endpoint co-primario di sopravvivenza senza progressione per protocollo di studio.
Questa analisi di IMpower131 ha valutato braccio B contro braccio C.

Atezolizumab è un anticorpo monoclonale progettato per legarsi alla proteina PD-L1 espressa su cellule tumorali e su cellule immunitarie infiltranti il ​​tumore, bloccando le sue interazioni con i recettori PD-1 e B7.1.
Inibendo PD-L1, Atezolizumab attiva le cellule T contro le cellule tumorali.

Il cancro al polmone è la principale causa di morte per tumore a livello globale. Ogni anno 1.59 milioni di persone muoiono a causa della malattia; questo si traduce in più di 4.350 morti in tutto il mondo ogni giorno. Il cancro del polmone può essere suddiviso in due tipi principali: carcinoma polmonare non-a-piccole cellule e carcinoma polmonare a piccole cellule.
Il tumore NSCLC è il tipo più diffuso e rappresenta circa l'85% di tutti i casi, e comprende la forma non-squamosa e la forma squamosa.
La forma squamosa è caratterizzata da cellule piatte che coprono la superficie delle vie aeree se osservate al microscopio. La forma squamosa tende a crescere vicino al centro del polmone e rappresenta circa il 25-30% di tutti i casi di tumore NSCLC. ( Xagena )

Fonte: Roche, 2018

XagenaHeadlines2018



Indietro