Xagena Mappa
Medical Meeting
Gastrobase.it
Xagena Salute

Studio MYSTIC: Durvalumab in combinazione con Tremelimumab produce un beneficio di sopravvivenza nel carcinoma polmonare non-a-piccole cellule metastatico o localmente avanzato con alto carico mutazionale


I risultati dettagliati dello studio di fase III MYSTIC sono stati presentati all'ESMO ( European Society form Medical Oncology ) Immuno-Oncology Congress, con particolare attenzione al beneficio di sopravvivenza osservato nei pazienti con elevato carico mutazionale ( TMB ).
Il TMB viene misurato con un semplice esame del sangue e potrebbe essere un modo semplice per selezionare i pazienti per il trattamento immunoterapico.

In precedenza AstraZeneca aveva riferito che nello studio MYSTIC, l'inibitore di PD-L1 Durvalumab ( Imfinzi ) in monoterapia e in combinazione con l'anticorpo anti-CTLA-4 Tremelimumab in pazienti precedentemente non-trattati con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) in stadio IV non aveva migliorato in modo significativo la sopravvivenza globale ( OS ) rispetto alla chemioterapia standard a base di Platino.
L'analisi primaria comprendeva pazienti i cui tumori presentavano espressione di PD-L1 sul 25% o più delle cellule tumorali; un rapporto di rischio ( HR ) di 0.76 era stato osservato con Durvalumab in monoterapia, mentre l'HR per la terapia di combinazione era stato pari a 0.85.

Nel corso del Meeting dell'ESMO, i ricercatori hanno sostenuto che sebbene la monoterapia con Durvalumab non avesse migliorato significativamente la sopravvivenza globale nei pazienti con espressione di PD-L1 maggiore o uguale al 25% ( rappresentando il 44% dei 1118 pazienti che hanno preso parte allo studio ), la differenza era clinicamente significativa.
La sopravvivenza globale mediana per Durvalumab era stata di 16.3 mesi contro i 12.9 mesi per la chemioterapia e di 11.9 mesi per Durvalumab più Tremelimumab.

Ulteriori analisi hanno indicato che nei pazienti con alto valore di TMB, definito come 16 o più mutazioni per megabase ( mut/Mb ), la sopravvivenza globale era di 16.5 mesi con Durvalumab più Tremelimumab contro i 10.5 mesi con la chemioterapia, con un HR di 0.62.
Mentre la sopravvivenza globale con il solo Durvalumab nei pazienti con alto TMB alto è stata pari a 11 mesi.
La valutazione TMB è stata eseguita in oltre il 70% dei pazienti nello studio, e il 40% dei soggetti presentava alto valore di carico mutazionale.

I dati hanno anche dimostrato che la proporzione di pazienti con alto TMB in vita a 2 anni era del 39% con Durvalumab più Tremelimumab, del 30% con il solo Durvalumab e del 18% con chemioterapia.
La sopravvivenza globale nei pazienti con basso TMB era pari a 8.5 mesi con Durvalumab più Tremelimumab, 12.2 mesi con il solo Durvalumab e 11.6 mesi con la chemioterapia.

Lo studio aveva randomizzato i pazienti con tumore NSCLC localmente avanzato o metastatico, con EGFR e ALK wild-type, a Durvalumab in monoterapia, a Durvalumab in combinazione con Tremelimumab, o a chemioterapia standard di cura, come trattamento di prima linea.
Gli endpoint primari dello studio includevano la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) per la combinazione di Durvalumab e Tremelimumab, e la sopravvivenza globale in monoterapia e in terapia combinata. ( Xagena )

Fonte: ESMO Immuno-Oncology Congress, 2018

XagenaHeadlines2018



Indietro