Fratture atipiche da stress e trattamento con bisfosfonati nella osteoporosi


Su richiesta del Regno Unito e della Commissione europea, a seguito delle segnalazioni di un aumento del rischio delle fratture atipiche da stress del femore associate ai bifosfonati, il Comitato per i medicinali per uso umano ( CHMP ) dell'EMA ( Agenzia regolatoria europea ) ha concluso che i benefici dei bisfosfonati continuano a superare i rischi, ma che una avvertenza del rischio di fratture atipiche del femore deve essere aggiunta alle informazioni del prodotto per tutti i medicinali contenenti bisfosfonati autorizzati nell'Unione Europea ( UE ).

I bisfonati sono farmaci usati per trattare e prevenire disturbi ossei. Sono stati autorizzati nell’Unione europea nei primi anni del ‘90 per l'ipercalcemia ( elevati livelli di calcio nel sangue ) e la prevenzione dei problemi ossei in pazienti con tumore.
Dopo la metà degli anni ’90, sono stati anche autorizzati per il trattamento dell'osteoporosi ( malattia che rende fragili le ossa ) e la malattia di Paget ( una malattia che coinvolge la crescita delle ossa causando deformità ossea ).
I bifosfonati agiscono impedendo l'azione degli osteoclasti, cellule che sono coinvolte nel riassorbimento osseo.
I bisfosfonati sono l'Acido Alendronico, l’Acido Clodronico, l’Acido Etidronico, l’Acido Ibandronico, l’Acido Neridronico, l’Acido Pamidronico, l’Acido Risedronico, l’Acido Tiludronico e l’Acido Zoledronico.
Questi farmaci sono disponibili nell'Unione europea in compresse e in soluzioni per infusione ( flebo in vena ) sotto diversi nomi commerciali e come medicinali generici.
I medicinali contenenti bifosfonati autorizzati tramite procedura centralizzata sono: Aclasta e Zometa ( Acido Zoledronico ), Bondenza, Bonviva, Bondronat e Acido Ibandronico Teva ( Acido Ibandronico ), e Adrovance e Fosavance ( Acido Alendronico e Vitamina D3 ).

Nel 2008, il Pharmacovigilance Working Party ( PhVWP ) del CHMP aveva osservato che l'Acido Aledronico era associato ad un aumentato rischio di fratture atipiche del femore con un minimo o senza alcun trauma.
Come risultato, un’avvertenza è stata aggiunta alle informazioni del prodotto dei medicinali contenenti Acido Alendronico autorizzati in tutta l’Europa.
Il PhVWP ha anche concluso che al tempo non era possibile escludere che si trattasse di un effetto di classe ( un effetto comune a tutti i bifosfonati ), e ha, pertanto, deciso di mantenere la problematica sotto stretto monitoraggio.

Nell’aprile 2010, il PhVWP ha osservato che erano disponibili ulteriori dati dalla letteratura pubblicata e dalle segnalazioni post-marketing, e che per le fratture atipiche da stress del femore era ipotizzato un effetto di classe. Il gruppo di lavoro ha concluso che era necessario condurre un’ulteriore revisione per determinare se erano necessarie eventuali azioni regolatorie.
Conseguentemente, nel settembre 2010, l’Agenzia regolatoria per i medicinali del Regno Unito ha chiesto al CHMP di esprimere un parere sui medicinali contenenti bisfosfonati e le fratture atipiche da stress e se l'autorizzazione all'immissione in commercio di questi medicinali dovesse essere mantenuta, modificata, sospesa o revocata in tutta l'Unione europea. Nel contempo, la Commissione europea ha chiesto al CHMP di effettuare la stessa valutazione per i medicinali autorizzati con procedura centralizzata.

Il CHMP ha riesaminato tutte le segnalazioni di casi di fratture da stress in pazienti trattati con bisfosfonati, i dati dalla letteratura pubblicata e i dati forniti dalle aziende farmaceutiche che producono bisfosfonati. Il Comitato ha esaminato anche gli studi epidemiologici ( studi sulle cause e la distribuzione delle malattie nella popolazione ).

Il Comitato ha notato che il numero delle segnalazioni di fratture atipiche del femore negli utilizzatori dei bisfosfonati era aumentato dopo la revisione del 2008.
Il CHMP ha inoltre osservato che queste fratture avevano delle caratteristiche ben definite ai raggi X e che potevano essere correlate all’uso dei bisfosfonati, soprattutto con l'uso a lungo termine nell’osteoporosi.
Il Comitato ha concordato che questo poteva essere correlato al meccanismo di azione dei bisfosfonati, i quali potevano portare a un ritardo nella guarigione anche se il meccanismo esatto non è noto.
Sulla base della valutazione dei dati attualmente disponibili e della discussione scientifica all'interno del Comitato, il CHMP ha concluso che le fratture atipiche del femore sono probabilmente un effetto di classe dei bisfosfonati, ma che tali fratture si verificano solo raramente e che i benefici dei medicinali contenenti bisfosfonati continuano a superare i rischi. Tuttavia, le informazioni del prodotto devono essere modificate per aggiungere un'avvertenza relativa a questo rischio e, per i bifosfonati utilizzati per l'osteoporosi, per consigliare ai medici di rivedere periodicamente il trattamento, in particolare dopo cinque anni o più di trattamento.

Raccomandazioni per medici e pazienti

I medici che prescrivono medicinali contenenti bifosfonati devono essere consapevoli che le fratture atipiche del femore possono verificarsi raramente, soprattutto dopo l'uso a lungo termine.
Se si dovesse sospettare una frattura atipica in una gamba anche l'altra gamba deve essere esaminata.

I medici che prescrivono questi farmaci per la prevenzione o il trattamento dell'osteoporosi devono riesaminare periodicamente la necessità di continuare il trattamento, soprattutto dopo cinque anni o più di terapia.

I pazienti che stanno assumendo medicinali contenenti bisfosfonati devono essere consapevoli del rischio di questa frattura atipica del femore. Essi devono contattare il proprio medico se avvertono: dolore, debolezza o fastidio all'anca, alla coscia o all'inguine, in quanto questo potrebbe essere un segnale di una possibile frattura. ( Xagena_2011 )

Fonte: EMA, 2011



Link: MedicinaNews.it

Endo2011 Farma2011

XagenaFarmaci_2011